Clínica Fertia

Cos’è la sindrome dell’ovaio policistico e in che modo influisce sulla fertilità?

La sindrome dell’ovaio policistico è una delle malattie endocrine ginecologiche più comuni colpisce il 6-10% delle donne in età riproduttiva .

La diagnosi di PCOS si basa sulla presenza di almeno due dei seguenti segni:

– Oligo -anovulazione         

– Segni clinici o di laboratorio di eccesso di androgeni         

– Ovaie con aspetto ecografico di policistico.         

Molte di queste donne hanno anche resistenza all’insulina, iperinsulinemia e obesità, la presenza di questi fattori di rischio condiziona una maggiore incidenza di infertilità, malattie cardiovascolari, diabete di tipo II, disturbi lipidici, sindrome metabolica e aumento del rischio di cancro dell’endometrio.

Si distinguono diversi fenotipi PCOS: completo, non iperandrogenico, nessuna presenza ecografica di un ovaio policistico e fenotipi con ovulazione.

Che influenza ha sulla fertilità?

Dal punto di vista riproduttivo, le donne con PCOS presentano disturbi dell’ovulazione, ma non sembra che questo sia l’unico fattore coinvolto, poiché queste donne hanno anche un rischio maggiore di aborto e altre complicazioni ostetriche.

Il successo riproduttivo dipende dalla qualità degli embrioni, dall’endometrio e dalla corretta interazione tra i due. Sembra che i loro risultati peggiori siano più legati ai cambiamenti a livello endometriale che a livello di ovociti.

Infatti, si è visto che le donne con PCOS senza iperandrogenemia (senza eccesso di androgeni) presentano risultati dopo il ciclo di fecondazione in vitro simili a quelli delle donne ovulatorie (1) e delle donne donatrici di ovuli con o senza PCOS che donano i propri ovuli a donne con  fallimento ovárico,  presentano tassi di gestazione comparabili (2). Tuttavia, a livello endometriale, si osservano dati clinici e sperimentali che spiegano che il tessuto endometriale nelle donne con PCOS ha caratteristiche diverse.  

Le sue peculiarità cliniche condizionano un’espressione alterata dei recettori ormonali a livello endometriale, un maggior numero di recettori estrogeni e alti livelli di estrogeni, resistenza al progesterone, con presenza di isoforme meno reattive a livello endometriale, alti livelli di androgeni e loro recettori, resistenza all’insulina, tutto questo condiziona una situazione di lieve infiammazione, con alterazione a livello delle cellule immunitarie responsabili per l’impianto, come pure come alterazioni nella vascolarizzazione che potrebbero essere correlati alla maggiore incidenza di anomalie in placentazione e pre-eclampsia.

Sebbene tutti questi cambiamenti a livello endometriale portino a un impianto più scarso e peggiori tassi di gravidanza in corso, questi risultati peggiori variano a seconda delle diverse forme di presentazione della PCOS e della sua gravità.

Quali passi si possono fare?

La modifica dello stile di vita è uno dei fattori fondamentali una dieta ipocalorica a basso contenuto di carboidrati e un contenuto proteico più elevato insieme a un regolare esercizio aerobico migliora il controllo metabolico, promuove l’ovulazione spontanea nelle donne obese o in sovrappeso e migliora i livelli di androgeni.

Quelle con iperinsulinemia o insulino- resistenza traranno vantaggio non solo alla dieta ma all’uso di farmaci come la metformina o altri medicinali per aiutare a controllare la resistenza all’insulina. Per quanto riguarda l’induzione dell’ovulazione, l’uso del letrozolo è considerato la scelta, sebbene il suo uso con questa indicazione non sia approvato in tutti i paesi, e in questi casi è indicato il clomifene. E come farmaco di seconda linea l’uso di gonadotropine.

In quei casi che richiedono un ciclo di fecondazione in vitro, si consiglia di trasferire gli embrioni in un ciclo di criotrasferimento, per ottenere un maggior grado di sincronia tra l’endometrio e l’embrione da trasferire. Evitando così l’impatto negativo di alti livelli di estrogeni durante la stimolazione, in un endometrio che è già molto sensibile ad essi (3).

Altre misure che possono essere vantaggiose, sono ad assicurare  livelli coretti di vitamina D, che a volte è bassa in queste donne, e ha un ruolo chiave come un immunomodulatore durante la gravidanza. La somministrazione del coenzima Q 10 agente antiossidante in grado di modulare lo stress ossidativo presente in questi pazienti. L’ utilizzo di agente mucolitico N-acetilcisteina ad azione antiossidante e con capacità di migliorare la resistenza all’insulina (4).

Tutto ciò può aiutare a migliorare i risultati in questi pazienti, sebbene l’ individualizzazione e la valutazione di ogni caso siano fondamentali e ci consentiranno un trattamento personalizzato in base alle loro specifiche esigenze.  

 


Bibliografía

  1. Holte J, Brodin T, Berglund L, Hadziosmanovic n, Olovsson m, Bergh t. Antral follicle counts are strongly associated with live birth rates after assisted reproduction, with superior treatment outcome in women with polycystic ovaries. Fertil Steril.2011;96:594-599.
  2. Vaz GQ, Evangelista AV, Sartorio CAP, Cardoso MCA,Erthal MC, Gallo P, Oliveira MAP. Are patients with polycystic ovary syndrome ideal candidates for oocyte donation?. Biomed Res Int.2016;5701609.
  3. Chen Zj, Shi Y, Sun Y, Zhang B, Liang X, Cao Y , Yang J, Lui J, Wei D, Weng N. Fresh versus frozen embryos for infertility in the polycystic ovary syndrome.N Engl J Med.2016;375:523-533
  4. Palomba s, Piltonen TT, Giudice LC. Endometrial function in women with polycystic ovary syndrome: a comprehensive review. Hum reprod Update. 2020,0:1-35.

Síguenos en nuestras redes sociales:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Come possiamo aiutarti? Available from 08:00 to 20:00 Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday