Clínica Fertia

Vaccino Covid, trattamento di fertilita, gravidanza e allattamento

Il 27 dicembre 2020 è iniziata nel nostro Paese la campagna di vaccinazione contro COVID-19.
L’uso di questo vaccino, o di altri che potrebbero venire in seguito, nelle donne che pianificano una gravidanza, nelle donne in gravidanza e durante l’allattamento solleva molti dubbi e preoccupazioni.
Questo è il motivo per cui in CLÍNICA FERTIA abbiamo fatto un passo avanti temporaneo, con i dati attualmente disponibili e in attesa di ulteriori prove scientifiche, della nostra posizione riguardo alla vaccinazione nei nostri pazienti.

I vaccini attualmente disponibili sono entrambi vaccini a mRNA che non contengono virus vivi attenuati.

Studi recenti hanno suggerito che la gravidanza è un fattore di rischio per la grave malattia COVID-19. Inoltre, molte donne incinte o che pensano di iniziare una gravidanza hanno ulteriori fattori di rischio, come obesità, ipertensione o diabete, che possono aumentare ulteriormente la possibilità di malattie gravi da infezione da COVID-19. Queste considerazioni dovrebbero essere incluse nelle decisioni riguardanti la vaccinazione.

Le donne incinte o che allattano possono essere vaccinate con Comirnaty?

Poiché i vaccini COVID-19 mRNA non sono composti da virus vivi, non si ritiene che aumentino il rischio di infertilità, perdita del primo o secondo trimestre, morte fetale o difetti alla nascita.

Studi di laboratorio su modelli animali non hanno mostrato effetti dannosi in gravidanza, tuttavia le informazioni sull’uso di Comirnaty in gravidanza sono ancora molto limitate. Sebbene non ci siano studi sull’allattamento, non è previsto alcun rischio.

La decisione di utilizzare il vaccino in donne in gravidanza o durante l’allattamento dovrebbe essere presa con la valutazione di un professionista sanitario per valutare individualmente i benefici e i rischi in ciascun caso.

Posso vaccinarmi se sono in trattamento per la fertilità o se sto pianificando una gravidanza ?

La raccomandazione del Ministero della Salute spagnolo è che nel caso di donne che pianificano una gravidanza in futuro, e poiché il vaccino contro COVID-19 attualmente disponibile è un vaccino a mRNA che non contiene virus vivi, è molto probabile che non lo faranno causare problemi al feto o alla donna incinta. Pertanto non vi è alcun motivo per ritardare i tentativi di gravidanza a causa della somministrazione del vaccino o per posticipare il trattamento fino alla somministrazione della seconda dose.

In ogni caso, se stai pianificando una gravidanza, in via precauzionale, puoi attendere 2 settimane dopo la somministrazione della seconda dose.
La SEF / ASEBIR ritiene che non sia giustificato posticipare il desiderio di gravidanza o l’inizio di uno studio o di un trattamento di riproduzione assistita, comprese le donazioni di gameti.

Nel caso in cui un paziente decida di essere vaccinato durante il trattamento di riproduzione assistita, ASEBIR / SEF raccomanda, come misura precauzionale e come raccomandato dal Ministero della Salute, di posticipare l’inseminazione o il trasferimento di embrioni due settimane dopo la somministrazione della seconda dose. Non si ritiene necessario interrompere il processo di studio, stimolazione ovarica, ottenimento di gameti o generazione di embrioni.

Al momento, non ci sono argomenti scientifici che stabiliscano limiti per i pazienti che desiderano una gravidanza e ricevere il vaccino.

Síguenos en nuestras redes sociales:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Come possiamo aiutarti? Available from 08:00 to 20:00 Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday