Clínica Fertia

Metodo ROPA

Che cos’è il Metodo ROPA?

È un metodo di riproduzione assistita in cui le coppie costituite da due donne possono optare per una maternità condivisa. L’acronimo ROPA sta per “Recepción de ovocitos de la pareja”, ovvero “Ricezione di ovociti dalla coppia”. Entrambe le madri devono sottoporsi a tutti i test obbligatori prima di un trattamento di fecondazione in vitro che garantisca il loro perfetto stato di salute, che non pregiudichi né la tecnica né la successiva gravidanza. Si consiglia inoltre che la donna della coppia con la migliore riserva ovarica, e pertanto più giovane, sia la madre genetica (che fornisca i suoi ovuli) e assicuri così le migliori opzioni per ottenere embrioni con un buon potenziale di impianto, che verranno successivamente trasferiti alla madre gestante, la ricevente.

Percentuale di gravidanza del metodo ROPA

Questa percentuale dipende fondamentalmente dall’età della donna che fornisce gli ovuli e dalle situazioni concomitanti che hanno determinato l’indicazione al trattamento.

La percentuale può variare a seconda dell’età della donna.

Donne con meno di 38 anni

%

Percentuale di gravidanza per ciclo

%

Gravidanza clinica (con presenza di battito cardiaco)

Donne con più di 38 anni
(età media 41 anni)

%

Percentuale di gravidanza per ciclo

%

Gravidanza clinica (con presenza di battito cardiaco)

%

Percentuale di gravidanza per ciclo

%

Gravidanza clinica (con presenza di battito cardiaco)

%

Percentuale di gravidanza per ciclo

%

Gravidanza clinica (con presenza di battito cardiaco)

L’età è un fattore determinante in un trattamento di riproduzione assistita. Se stai usando i tuoi propri ovuli e hai meno di 38 anni, la nostra percentuale di successo sale al 57% nel primo ciclo. Se hai più di 38 anni, la nostra percentuale di successo è del 21% nel primo ciclo. È importante sottolineare che le possibilità di rimanere incinta sono cumulative, cioè aumentano ad ogni tentativo (il numero massimo di tentativi che consigliamo nella nostra clinica della fertilità è di 3). Per gravidanza clinica* si intende che è visibile in ecografia l’embrione con presenza di battito cardiaco.

Tecnica

La tecnica applicata nel Metodo ROPA prevede le seguenti fasi:

Durante la prima visita, facciamo uno studio di entrambe le donne e iniziamo con i test. Di solito, raccomandiamo che sia la donna più giovane a sottoporsi al trattamento di stimolazione e contribuisca con i suoi ovuli, è lei che chiameremo mamma genetica.

L’età nelle donne è un fattore determinante, man mano che invecchiamo abbiamo meno ovuli e di peggiore qualità. È per questo che la donna più giovane dovrebbe essere quella che li fornisce perché abbiano un migliore potenziale di impianto. Parallelamente, la madre gestante si sottoporrà a un trattamento con estrogeni per preparare il suo endometrio, assicurandosi che sia nelle migliori condizioni per ricevere l’embrione.

Normalmente, in ogni ciclo naturale viene prodotto un unico ovulo. La stimolazione ovarica consiste nella somministrazione di ormoni mediante iniezione sottocutanea per ottenere più uvuli. L’intero processo è monitorato con ecografie, per le quali saremo disponibili sette giorni su sette. A seconda del tipo di protocollo utilizzato e della velocità di risposta dell’ovaia, la durata del processo varierà tra i 10 ei 12 giorni.

Una volta che i follicoli raggiungono il numero e le dimensioni appropriati, viene somministrato un ormone chiamato HCG per completare la maturazione degli ovuli. Circa 36 ore dopo la somministrazione dell’HCG, gli ovuli già maturi potranno essere aspirati dall’ovaia.

Consiste nell’aspirazione degli ovociti già maturi sotto controllo ecografico e con lieve sedazione, in modo che la paziente non avverta alcun tipo di disagio. La durata della procedura è di circa 15 minuti. Durante questo giorno si raccomanda di non svolgere attività che richiedano tutte le nostre capacità, come per esempio la guida, pur sentendosi perfettamente in salute.

Una volta ottenuti gli ovuli, questi vengono inseminati con lo sperma di un donatore anonimo precedentemente preparato in laboratorio. Clínica Fertia lavora con le principali banche del seme nel nostro Paese, questo ci permette di selezionare il campione del donatore che meglio si adatta alle caratteristiche fisiche (razza, colore degli occhi, capelli, altezza, peso e gruppo sanguigno) di entrambe. Offre inoltre la possibilità di matching genetico tra il donatore di sperma e la madre genetica.

La fecondazione può essere eseguita con la FIV classica, a tal fine il biologo mette ogni ovocita a contatto con circa 25-50.000 spermatozoi precedentemente selezionati e lascia che la fecondazione avvenga da sola. Oppure tramite ICSI, che consiste nell’introdurre un singolo spermatozoo nel citoplasma dell’ovulo perforando lo stesso con una pipetta sottile.

Gli embrioni vengono coltivati e osservati in laboratorio per alcuni giorni (da 2 a 6). Per questo disponiamo di moderne tecniche di incubazione per monitorarne l’evoluzione in tempo reale (morfocinetica). Abbiamo a disposizione incubatrici dotate di tecnologia time lapse, che incorpora un sistema di cattura di immagini, che ci permette di osservare gli embrioni dalla loro fecondazione al momento del trasferimento nell’utero, senza bisogno di doverli rimuovere dall’incubatrice. In questo modo, le condizioni di coltura sono più stabili, il che implica un miglioramento della qualità embrionale. Inoltre, questa tecnologia facilita la selezione dei migliori embrioni da trasferire e congelare.

Di solito viene eseguita in parallelo al ciclo di stimolazione della madre genetica. In primo luogo, ci assicuriamo di ottenere la cessazione dell’attività ovarica nella ricevente, per la quale normalmente utilizziamo contraccettivi o una singola dose di analoghi del GNRH, tranne che nelle donne che sono già in menopausa per cui non è necessario.

Successivamente, viene avviato un regime di sostituzione degli estrogeni, per via orale o tramite cerotti transdermici, per garantire un’adeguata preparazione dell’endometrio, dove verranno depositati gli embrioni. Durante questo processo, verranno eseguite uno o due ecografie per verificare che l’endometrio abbia raggiunto le dimensioni desiderate. Questa fase di solito dura circa due settimane.

Consiste nell’inserimento degli embrioni all’interno della cavità uterina. Per farlo si posiziona uno speculum in vagina e si inserisce una sottile cannula che porterà gli embrioni che vengono così depositati nell’utero sotto controllo ecografico. Questo processo è rapido e indolore.

Dopo il trasferimento, consigliamo riposo relativo il giorno stesso e il giorno seguente per poi tornare all’attività abituale. Si raccomanda solamente di evitare sforzi violenti e sport nelle due settimane successive. Viaggiare non costituisce alcun problema.

Una volta effettuato il trasferimento, il resto degli embrioni di buona qualità vengono conservati in azoto liquido per essere utilizzati in cicli successivi. Attualmente, nel laboratorio della Clínica Fertia utilizziamo la tecnica della Vitrificazione o congelamento ultraveloce.

Può essere eseguita mediante determinazione nel sangue di BHCG trascorsi 12 giorni dal trasferimento embrionale.

Oppure eseguire un test delle urine trascorsi 14 giorni dal trasferimento.
Fino alla conferma, bisogna continuare con il farmaco prescritto il giorno del trasferimento.

Dopo 15 giorni dall’analisi BHCG, viene eseguita un’ecografia per confermare il numero di embrioni che si sono impiantati, è possibile visualizzare il sacco gestazionale con l’embrione all’interno e, con la presenza di un battito cardiaco, a volte la visualizzazione del battito cardiaco si produce 7 giorni dopo.

Vorresti conoscere altri trattamenti disponibili per le coppie femminili?

Domande sui Trattamenti di riproduzione di coppie lesbiche

Se avete bisogno di maggiori informazioni sui nostri trattamenti, siamo a vostra disposizione.

Che cosa succede nel caso di coppie lesbiche?

L’articolo 6 della legge 14/2006 sulla riproduzione assistita dice “Ogni donna over 18 e con piena capacità giuridica può ricevere o essere utente delle tecniche contemplate dalla presente legge, a condizione che abbia dato il suo consenso scritto del suo utilizzo in modo libero, consapevole ed esplicito. La donna può essere utente o ricevente delle tecniche regolate o ricevente delle tecniche regolate in questa legge indipendentemente dal loro stato civile e orientamento sessuale. “

La legge è rispettoso e aperta alla condizione sessuale di ogni persona. In Clinica Fertia abbiamo visto anno dopo anno aumentano il numero di coppie lesbo che ripongono la loro fiducia in noi per realizzare il loro progetto di famiglia.

In questi casi la tecnica più appropriata verrá determinata dalla età della donna e la sua particolare situazione clinica, il trattamento può variare dalla inseminazione donatore, FIV, la donazione di gameti sia maschili che femminili o di adozione di embrioni.

Quanto tempo trascorre prima di iniziare il trattamento?

Se la diagnosi è chiara, il trattamento può iniziare immediatamente.
In ogni caso, si può programmare per il mese piu conveniente per la coppia. Nel caso delle riceventi di ovuli il tempo di attesa e di uno o due mesi.

Quanti tentativi devo fare?

Nel caso di inseminazione artificiale nostro centro consiglia un massimo di quattro tentativi, poiché il 90% delle gravidanze si verifica nei primi quattro cicli.

Per quanto riguarda la fecondazione in vitro o microiniezione, il nostro centro non realizza mai più di quattro tentativi con queste tecniche.

Nel caso di donazione di ovociti è più difficile stabilire un limite, che verrà determinato da fattori psicologici e anche economico.

Posso utilizzare queste tecniche quando si ha già la menopausa?

Sì, oggi e possibile essere madre dopo la menopausa, gia sia fisiologica, per fallimento ovarico, o dopo il trattamento di malattie neoplastiche. Grazie a ricevere ovuli di una donatrici.

Quali sono le maggiori preoccupazioni delle coppie riceventi di ovuli o di sperma?
L’anonimato è quello che preoccupa di più, e questo è assolutamente garantito, in ogni caso, anche accettando la realizzazione della técnica, vogliono la massima discrezione. E, naturalmente,  anche preocupa lo stato di salute dei donanti e la somiglianza fisica con loro. Nel nostro centro, sia nel caso dei donatori di seme, come nel caso delle donatrici di ovuli, cerchiamo che la somiglianza fisica sia quanto più grande possibile con i genitori.
Sono questi trattamenti costosi?

Il raggiungimento di una gravidanza in una coppia con problemi di fertilità puo avere un costo tra 800 e 6000 €, se si realizza una tecnica di riproduzione assistita. Anche se il prezzo dipende non solo la tecnica utilizzata, ma anche dalla frequenza di applicazione.

Clinica Fertia è stata una delle prime a mantenere una politica onesta e chiara. Pubblichiamo nostri prezzi sul nostro sito web dal 2002.

Richied il tuo primo appuntamento

Prima consultazione è gratuita.

× Come possiamo aiutarti? Available from 08:00 to 20:00 Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday