Clínica Fertia

Il dolore, il sintomo principale dell’endometriosi

L’endometriosi è una malattia infiammatoria cronica che colpisce il 10% delle donne. Più del 60% delle donne con diagnosi di endometriosi ha dolore pelvico cronico (1). Tuttavia, i meccanismi con cui l’endometriosi induce il dolore cronico non sono completamente conosciuti fino ad oggi.

La rimozione chirurgica delle lesioni endometriosiche allevia il dolore, il che supporta l’idea che queste lesioni siano coinvolte nella generazione del dolore, ma è sorprendente che non c’è correlazione tra l’estensione della lesione e l’entità del dolore. Inoltre, capita che il dolore ritorni frequentemente 12 mesi dopo la rimozione della lesione, anche in assenza di recidiva della malattia. 

D’altra parte, molte di queste donne presentano altre patologie come colon irritabile o vescica iperattiva, il che suggerisce una fisiopatologia più complessa che non può essere spiegata unicamente con la mera presenza della lesione endometriosica.

Questa volta abbiamo scritto un post abbastanza tecnico per spiegare in modo scientifico e medico i meccanismi del nostro corpo che sono coinvolti nello sviluppo del dolore nell’endometriosi. Sappiamo che è un argomento complesso, quindi vorremmo incoraggiarvi a condividere tutte le domande che sorgono dopo averlo letto.

Quali meccanismi sono coinvolti nello sviluppo del dolore nell’endometriosi?

1. Infiammazione

 La mestruazione retrograda (in cui il sangue mestruale ritorna attraverso le tube di Falloppio nella cavità pelvica invece di lasciare il corpo) si verifica nel 90% delle donne e solo il 10% di loro sviluppa l’endometriosi, sono le cellule dell’immunità innata (macrofagi, cellule dendritiche, natural killer) i responsabili dell’eliminazione dei resti di tessuto endometriale dalla cavità peritoneale. Si ritiene che la disregolazione di questa immunità innata sia coinvolta nello sviluppo di questa infiammazione.

Il sanguinamento ciclico che si verifica nella cavità uterina in risposta agli ormoni sessuali avviene anche nei focolai di endometriosi presenti nella pelvi, che insieme alla presenza di sanguinamento mestruale retrogrado, attiva una risposta immunitaria che rilascia citochine e altri fattori che condizionano l’attività ossidativa e la presenza di prostaglandine, fattori di crescita, nonché vari fattori infiammatori che possono attivare direttamente i terminali sensoriali responsabili del dolore pelvico cronico (2). La sua continua attivazione e sensibilizzazione condiziona il trasferimento dello stimolo doloroso al sistema nervoso centrale e spiega la presenza di dolore non ciclico e altre forme di dolore viscerale.

2. Neuroangiogenesi

Diversi studi indicano che una volta che i focolai endometriosici si sono sviluppati, si verifica un fenomeno di neuroangiogenesi, cioè lo sviluppo di nuovi vasi che favoriscono la crescita delle lesioni e lo sviluppo sincronizzato delle terminazioni nervose.

 Questo processo è regolato da estrogeni e cellule immunitarie, in particolare macrofagi che rilasciano fattore di crescita endoteliale e fattore di crescita nervoso, che consentono lo sviluppo di neuroni autonomi e soprattutto sensoriali; La maggior parte sono fibre nervose demielinizzate che funzionano come nocicettori (recettori che rispondono a stimoli nocivi, rilevano la sensazione di dolore e la trasmettono al sistema nervoso centrale) e che sono stati implicati nella generazione di dolore cronico nell’endometriosi (3).

D’altra parte, la vicinanza di lesioni endometriosiche, il fenomeno dell’adesione può incapsulare e causare la compressione dei terminali sensoriali a livello pelvico, che contribuisce anche al dolore pelvico.

3. Infiammazione neurogena

La presenza di fattori ossidativi infiammatori può attivare i recettori nocicettivi delle fibre nervose localizzati nella lesione endometriosica, che provoca il reclutamento di mastociti che rilasciano mediatori proinfiammatori, condizionando così un circolo vizioso di attivazione neurogena da parte di fattori infiammatori (4).

4. Sensibilizzazione periferica.

La sensibilizzazione periferica riduce la soglia del dolore, inducendo così dolore dopo uno stimolo che normalmente non lo provocherebbe o aumenta la sensazione di dolore (iperalgesia) di fronte a uno stimolo doloroso.

È un meccanismo che promuove la protezione durante lo sviluppo della risposta infiammatoria a una lesione, tuttavia, se l’infiammazione persiste, alla fine i nocicettori diventano cronicamente ipersensibili anche quando si è risolta (5). Si ritiene inoltre che la sensibilizzazione periferica finisca per indurre la sensibilizzazione centrale.

5. Sensibilización central

 L’ipereccitabilità cronica delle afferenze periferiche induce cambiamenti a livello centrale. I neuroni del sistema nervoso centrale sono sensibilizzati e rimangono ipereccitati anche in assenza dello stimolo doloroso, quando la patologia si è già risolta. Questo spiegherebbe perché il dolore cronico persiste in alcuni pazienti dopo la rimozione della lesione endometriosica (6).

Le tecniche di neuroimagine mostrano cambiamenti della materia grigia nelle aree del cervello che elaborano il dolore nelle donne con endometriosi che non sono presenti nelle donne asintomatiche. Poiché la diagnosi di endometriosi è spesso ritardata di 8-12 anni, c’è tempo affinché le lesioni endometriosiche inducano una sensibilizzazione centrale.

6. Sensibilizzazione crociata tra organi

 Le donne con endometriosi hanno spesso altre condizioni come emicrania, fibromialgia, intestino irritabile, sindrome della vescica dolorosa. Sembra che la sensibilizzazione incrociata tra organi si verifichi quando i terminali sensoriali afferenti di alcuni organi inducono sensibilizzazione nei terminali nervosi di altri organi.

 Poiché i terminali afferenti viscerali convergono nelle aree adiacenti del midollo spinale, potrebbe verificarsi una sensibilizzazione per vicinato (7). Oppure i fenomeni di neuroangiogenesi delle lesioni endometriosiche potrebbero portare alla convergenza con le terminazioni nervose di organi limitrofi aderiti alla lesione endometriosica. In ogni caso, l’ipersensibilità generalizzata presente in queste donne può essere in parte dovuta a questo fenomeno di cross-sensibilizzazione tra organi.

 Quello su cui non abbiamo dubbi è che più abbiamo conoscenza dei meccanismi che sono coinvolti nello sviluppo del dolore nelle pazienti con endometriosi, più terapie efficaci e personalizzate possiamo sviluppare per ogni paziente.

 Non possiamo dimenticare che il ritardo nella diagnosi continua ad essere il maggior fattore di rischio per il dolore cronico, da qui l’importanza di una buona anamnesi, perché alla fine la clinica rivelata dal paziente è la migliore chiave per una diagnosi precoce, insieme alle tecniche di immagine che supporteranno il sospetto diagnostico.

 Alla Clínica Fertia siamo specializzati nella diagnosi e nel trattamento dell’endometriosi, sappiamo che la chiave è ascoltare i nostri pazienti e accompagnarli con esami medici che confermino la diagnosi.

Se hai dolore mestruale cronico, emicrania, dolore durante i rapporti sessuali … ti incoraggiamo a non ignorarlo, il primo passo per diagnosticare l’endometriosi non è normalizzare il dolore mestruale e gli altri sintomi. Siamo qui per aiutarti, chiedi il tuo primo appuntamento.

 


Bibliografía

  1. Ballard KD, Seaman HE, De Vries CS, Wright JT. Can symptomatology help in the diagnosis of endoemtriosis? Findings from a national case-control study -Part.Br J Of Obst and Gynecol. 2008; 115:1382-1391.
  2. Wu I, Xie H, Yao S,Liang Y.Macrophage and nerve interaction in endometriosis.J Neuroinflamation.2017;14:53.
  3. Yan D, Liu X, Guo SW. Nerve fibers and endometriotic lesions:partners in crime in inflicting pain in women with endometriosis. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol.2017;209:14-24.
  4. Tokushige N, Markham R, Russell p, Fraser IS. Nerve fibers in peritoneal endometriosis . Hum Reprod.2006;21:3007-3010.
  5. Morotti M, Vincent K, Brawn J, Zondervan KT,Becker CM. Peripheral changes in endometriosis -associated pain.Hum Reprod.2014;20:717-736.
  6. Li T, Mamillapalli R, Ding S, Chang H, Liu ZW,Gao XB. Endometriosis alters brain electrophysiology, gene expresión and increases pain sensitization, anxiety and depresión in female mice. Biol reprod. 2018,99:349-359.
  7. Grundy L, Brierly SM.Cross-organ desensitization between the colon and bladder:to pee or not to pee?.Am j Physiol Gastrintest Liver Physiol.2018;314.301-308.
× Come possiamo aiutarti? Available from 10:00 to 20:00 Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday